Perchè “A me le Guardie”

« Potete chiamarli Guardie di Palazzo, Guardie Cittadine o Guardie e basta. Qualunque nome abbiano, in ogni opera di genere fantasy-eroico il loro scopo è lo stesso: più o meno al capitolo 3 (o dopo 10 minuti di film) irrompono nella stanza, attaccano l’eroe uno alla volta e vengono massacrati.
Nessuno chiede mai se sono d’accordo.
Questo libro è dedicato a quei nobilissimi uomini. »

Terry Pratchett,  A Me le Guardie, Introduzione

 

A me le Guardie cambia. Le recenti normative hanno imposto di accettare che lo stato italiano e soprattutto i vertici delle sue Forze dell’Ordine non vogliono avere nulla a che fare con la Polizia Locale. Il sogno di A me le Guardie di unire in un sito discorsi, opinioni, intenti e problematiche di tutte quelle che pensavo essere Guardie e forze di soccorso si è infranto di fronte le decisioni del governo, le parole dei rappresentanti sindacali delle polizie statali, il comportamento quotidiano della maggior parte degli operatori ministeriali e della totalità dei loro uffici stampa nei nostri confronti .

Rimane uno spazio di ironia e di analisi, di serio e di faceto, ma sopratutto un esperimento che mi è follemente venuto voglia di fare, anche per far scoprire quello che, ogni tanto, si cela dietro una divisa.

Qui troverete commenti, analisi, aggiornamenti sulle norme più comuni, ma anche materiale didattico di Educazione Stradale e materiale per la preparazione ai concorsi pubblici nelle Forze di Polizia (tutto artigianale e frutta della sola esperienza dell’autore).

PRECISAZIONE – il contenuto di questo blog (analisi, deduzioni, commenti e compagnia) NON ha valore legale, rispecchia solo l’opinione dell’autore (il di qui sottoscritto)  e non ha alcuna validità legale o giuridica: se sono opinioni quelle di magistrati, giudici e professionisti, figuratevi quelle di un povero pirla che va in giro chiamandosi VxVigile. L’unico organo che può limitatamente fare giurisprudenza (più che altro fa precedente o come si dice comunemente fa dottrina) è la Suprema Corte di Cassazione, per il resto sta tutto al Governo la proposta e al Presidente della Repubblica la promulgazione. Io, purtroppo, non c’entro nulla, quindi non usate i miei contenuti come fossero la Bibbia, perchè sono pure ateo.

Quanto viene scritto qui, infine, non ha alcun rapporto diretto o continuativo con sindacati o associazioni di categoria, ed è una cosa di cui francamente vado più che fiero.

7 thoughts on “Perchè “A me le Guardie”

    1. Bellissimo blog, articoli davvero interessanti, genuini e sinceri – senza alcuna retorica -sul mondo delle Forze dell’Ordine.
      Caro VxVigile, è possibile contattarti privatamente via mail per due chiacchiere e un consiglio?

      Mi piace

  1. Vx , ho scoperto per caso questo tuo blog, le opinioni e le iniziative che promuovi egregiamente, ed in forma assolutamente condivisibile, da parte mia!
    Essendo un tantino ‘giurassico multimediale ‘ ahimè , ho qualche difficoltà a contattarti direttamente tramite ‘account’, profili, mail etc. per cui spero possa ‘riscontrarmi’ tu per qualche ‘chiacchera’ riguardo i temi che ci stanno a cuore ( non propriamente in accezione..’romantica’ , direi 😉)
    Grazie, ed auspico leggerti a breve.
    -Gianni- (collega incazzato e…’consapevole’ 😞)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...